Il bene collettivo di Roma – Dibattito informativo

mani Il patrimonio pubblico di Roma : la delibera 140 come linea guida al riordino delle concessioni.

Il patrimonio è pubblico è di tutti ?   Tutti possono sperare di poterne usufruire ?

A Roma il Patrimonio pubblico è diventato di pochi, non si rispettano le regole e la situazione non monitorata per decenni è da tempo fuori controllo. La delibera 140, votata dalla Giunta Marino, nasce dalla necessità di iniziare a mettere ordine in tutto questo. Il primo passo per un riordino piú complessivo che Roma non puó piú rimandare, non dimenticando la tutela delle realtà che hanno un ruolo socio-culturale nel territorio. Un compito che spetterà al prossimo Sindaco e al prossimo Consiglio Comunale.

Ne parleremo in questo dibattito, promosso dall’Associazione ParteCivile-Marziani in Movimento.

Introduce: Emilia LaNave, presidente di ParteCivile

Intervengono: Alessandra Cattoi, Assessora al Patrimonio  della Giunta Marino, e rappresentanti delle associazioni socio-culturali di Roma.

Moderano: Antonella Bolli e Libera Berghella

E’ prevista la presenza all’evento di Francesca Danese, assessora alle Politiche sociali e abitative della  Giunta Marino.

vai all’evento

9 Maggio 2016 alle h 18:00 Presso la sede dell’Associazione ParteCivile, Via Dello Scalo di San Lorenzo, 57-Roma

1
0

Un pensiero riguardo “Il bene collettivo di Roma – Dibattito informativo

  • maggio 6, 2016 in 8:45 am
    Permalink

    0

    0

    La delibera PATRIMONIO PUBBLICO, di importanza romana e nazionale, è stata rottamata da nemici pubblici di IGNAZIO MARINO.In primis il premier Renzi, che non ha fatto nulla per difendere, il miglior sindaco che Roma abbia mai avuto. Anzi ha preso l’iniziativa per screditare lui e la sua giunta. Un grave errore di valutazione sociale e politica di cui Renzi e la sinistra italiana stessa subiranno le rovinose conseguenze.Quando capirà di non essere l’unico uomo al comando e farà scelte meno esaltanti, più realistiche e socialmente utili, sarà sempre tardi. Auguriamo al premier un’inversione di tendenza, specie nei riguardi della sua personale rottamazione, contro coloro che vogliono il bene della comunità. Antico proverbio ” CHI TROPPO IN ALTO SAL CADE SOVENTE PRECIPITEVOLISSIMEVOLMETE.

    Risposta

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: